BellezzaSalute

Scopriamo l’Oil Pulling: come eliminare batteri e tossine dalla nostra bocca

Il benessere inizia dal mattino e con un semplice risciacquo della bocca con un olio vegetale. Sì, avete capito bene: la salute del nostro corpo inizia con una particolare pulizia del cavo orale a base di olio vegetale.

Si chiama Oil pulling e non è una pratica futuristica o un trend in voga tra i salutisti alternativi ma un efficace rimedio naturale per eliminare le tossine dal corpo e che ha origine da un lontano passato, precisamente dalla tradizione millenaria ayurvedica.

L’olio da usare

olio di cocco

Prendendo spunto dalla medicina indiana, l’ideale sarebbe utilizzare l’olio di girasole, ma sono ottimi prodotti anche l’olio di oliva extra vergine, l’olio di mandorle, l’olio di sesamo ed in particolare l’olio di cocco le cui straordinarie proprietà sono già state trattate da questo sito.

Ciò che ci preme raccomandare è che l’olio che andremo a scegliere per effettuare l’Oil pulling, sia assolutamente non trattato, quindi biologico e di buona qualità.

E’ consigliabile evitare di effettuare la pratica di Oil pulling con un olio scadente, poiché il suo uso ne comprometterebbe l’efficacia e non apporterebbe nessun beneficio alla nostra salute. E’ possibile alternare i diversi oli anche per attivare costantemente la fuoriscita delle tossine dall’organismo. La scelta dell’olio invece dipenderà solo ed esclusivamente dai gusti personali.

L’olio che ti consiglio di utilizzare è questo:

Olio di Cocco Biologico Vergine 500 ml | Crudo e Spremuto a Freddo | Organico e Puro al 100% | Ideale sui Capelli, sul Corpo e ad Uso Alimentare | Olio di Cocco Bio Nativo e non Raffinato
  • [ BIOLOGICO VERGINE ] : Olio di cocco vergine 100% puro e nativo. Non Raffinato ed estratto dalla Polpa del Cocco. Spremuto a freddo a basse temperature per conservarne tutte le proprietà nutritive.
  • [ INFORMAZIONI NUTRIZIONALI ] : Ricco acidi grassi a catena media (MCT). Alto contenuto di ACIDO LAURICO. Privo di zuccheri, Zero Carboidrati e Senza OGM.

Istruzioni per l’Oil pulling

Il risciacquo va effettuato al mattino, a digiuno, per la durata di circa 10/15 minuti.

  • E’ utile sciacquare la bocca con acqua fresca e procedere alla pulizia dei denti e della lingua prima di iniziare. In questo sito già abbiamo pubblicato un ottimo articolo per una pulizia approfondita del cavo orale e della lingua.
  • Mettete in bocca uno o due cucchiai di olio e procedete con un risciacquo prolungato come se fosse un colluttorio. Fate qualche gargarismo ma non inghiottite il composto.
  • Una volta terminato il risciacquo, l’olio deve essere necessariamente sputato nel water, onde evitare di introdurre nell’organismo proprio le tossine che state cercando di eliminare.
  • Con molta probabilità sentirete lo stimolo ad espellere del muco in eccesso. Non preoccupatevi: è del tutto normale. Sono le mucose che si stanno liberando delle scorie accumulate.
  • L’Oil pulling si può fare anche due o tre volte al giorno prima dei pasti.
  • Si consiglia di risciacquare la bocca e rimuovere la patina sulla lingua con spazzolino ed acqua dopo ogni pratica.
  • Per abituarvi al colluttorio potreste iniziare con risciacqui e gargarismi da 5 minuti al giorno, ed aumentare via via fino ad arrivare anche a 20 minuti per volta.

Perché l’oil pulling è efficace

oil pulling pulizia del corpo

Durante il riposo notturno, il corpo attiva il famoso meccanismo di disintossicazione espellendo  batteri e microorganismi verso le zone esterne – quindi anche verso la bocca –  e depositando appunto tutte queste sostanze di scarto e dannose per l’organismo proprio nel cavo orale, tra i denti e sulla lingua.

Quando l’olio viene a contatto con la saliva funge in qualche modo da catalizzatore “attirando” le tossine presenti del sangue. L’olio assorbe tutte le impurità che il corpo tende ad espellere ed aiuta ad eliminare la maggior parte dei batteri causa di infezioni e malattie, nonché principali responsabili della carie dentale e dell’alitosi, prevenendo, allo stesso tempo, la prolificazione di sostanze nocive per la nostra salute. La pratica dell’Oil pulling inoltre, aiuta a liberare il corpo dai metalli pesanti quali nichel, alluminio, mercurio, cromo e persino arsenico, che introduciamo con i cibi che ingeriamo e l’aria che respiriamo, e che sono responsabili di allergie ed intolleranze.

Pertanto l’effetto detox è assicurato nel modo più semplice e naturale.

Quali disturbi cura l’oil pulling

Questa antichissima pratica ha lo scopo di purificare l’organismo e prepararlo ad una nuova giornata eliminando, sin dalle prime ore del mattino, qualsiasi impurità che possa interferire con la naturale armonizzazione quotidiana del corpo.

Praticare Oil pulling apporta benefici all’organismo già dopo le prime due settimane.

  • L’organismo depurato da sostanze nocive accumulate nel tempo, inizia a riacquistare energia e vigore.
  • Il fegato viene disintossicato con conseguente beneficio della salute generale del corpo.
  • La digestione risulta facilitata.
  • La stanchezza cronica scompare insieme a cefalee e mal di testa.
  • Viene ripristinata la flora batterica del cavo orale.
  • Ci si sbarazza del disturbo dell’alitosi, proprio perché il risciacquo con olio vegetale azzera batteri e muco  presente sullo strato superficiale della lingua, tra i denti e nel cavo orale.
  • La pratica aiuta a combattere efficacemente la formazione di carie dentale.
  • Il ciclo mestruale viene regolarizzato.
  • La pelle appare subito più luminosa e sana.
  • Dopo già un mese si attenuano allergie e congestioni nasali.

E per finire è un trattamento facile, economico e naturale. Proviamo? Vi aspetto qui tra due settimane.

Vi ricordiamo che i nostri articoli sono a puro scopo informativo e non curano patologie gravi. In presenza di malattie acute è assolutamente consigliabile consultare un medico.

Articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

Back to top button